Prodotti, servizi, eccellenze di Venezia e dei suoi territori — Venipedia® Mercante

Le botteghe di Tiziano

90,00

COD: BZMERC-FNDTIZ-4 Categoria:
Descrizione

Descrizione

Tradizionalmente la storia dell’arte presume che i grandi pittori del passato, come Raffaello, Rubens e Rembrandt, abbiano prodotto i loro capolavori in una sorta di splendido isolamento. Solo di recente, gli specialisti si sono resi conto che le cose non stavano affatto così, ma che gli artisti erano a capo di botteghe più o meno allargate. Le loro opere, in gran parte, sono il risultato di un lavoro collettivo, non di un unico genio solitario. Stranamente, il vasto corpus delle opere di Tiziano Vecellio non è mai stato esaminato in modo sistematico sotto questo punto di vista.

Quella di Tiziano risulta essere una delle prime fabbriche d’immagini, operativa a livelli non solo locali e regionali, ma anche europei: un laboratorio che, in quasi tre quarti di secolo di attività, ha saputo realizzare una quantità sbalorditiva di opere pittoriche di vario tipo e categoria, segnando così profondamente il corso dell’arte italiana ed europea. Piuttosto che di “Tiziano” converrebbe parlare di un “sistema Tiziano”, di un organico flessibile, pragmatico, adattabile alle esigenze che si presentavano di volta in volta in forma diversa, del quale facevano parte personaggi come Francesco e Orazio Vecellio, Paris Bordon, Girolamo Dente, Polidoro da Lanciano, Jan van Calcar, e molti altri.

È facile immaginare che questo “sistema” agevolava la circolazione delle tipologie e dei modelli tizianeschi in maniera non sempre controllata o controllabile da parte del maestro. Non tutti i “Tiziano” sono opere di Tiziano, ma tutti i “Tiziano” sono collegati al sistema produttivo dell’officina. Ecco che si delinea la vastissima tematica affrontata nel libro con sostanziali novità di dati, anche sulle attività socio-economiche della “ditta Vecellio”, e di metodo.

Il libro offre, infatti, una serie di piste diverse per orientarsi nell’immenso catalogo tizianesco, muovendo lungo uno sviluppo cronologico che trova nel duplice soggiorno ad Augusta, presso la Dieta imperiale (1548 e 1550-1551), una congiuntura fondamentale e determinante nel riassetto del sistema di produzione. Il numero e le tipologie dei quadri realizzati da Tiziano e dalla bottega vengono monitorati in due fasi distinte, situate prima e dopo i viaggi in Germania e contraddistinte da esigenze e funzioni diverse. Vengono così individuati i principali filoni iconografici che Tiziano affronta usufruendo in larga misura del prezioso apporto dei collaboratori, le repliche dei soggetti realizzati per Filippo II di Spagna, o i temi devozionali diffusi soprattutto negli ultimi tre decenni di attività, con un’attenzione particolare alle questioni relative alla tecnica pittorica.

Nell’ultima sezione si chiarisce come ai confini della bottega, fra la fine del Cinque e i primi del Seicento, si sia andato cristallizzando progressivamente quel “modello Tiziano” che si sarebbe rivelato essenziale per la nuova concezione della pittura tramandataci da grandi maestri europei come Velázquez e Rembrandt.

Il libro è il frutto dell’impegno comune di quattro studiosi che, partendo da una concezione unitaria che si riflette nella struttura organica del volume, hanno affrontato la vastissima tematica con sostanziali novità di dati e di metodo, fornendo una serie di piste diverse per orientarsi nell’immenso catalogo tizianesco.

Senza dubbio il volume si presenta come il lavoro più importante e innovativo su Tiziano degli ultimi tent’anni.

Informazioni aggiuntive

Informazioni aggiuntive

Peso 0.8 kg
Autore

ISBN

Pagine totali

Tempo di spedizione (in giorni)

Marchio Fondazione Centro Studi Tiziano e Cadore

Recensioni (0)

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Ti potrebbe interessare…

Hai bisogno di aiuto?

Non esitare a contattarci, saremo felici di aiutarti!

0

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Tiziano. L’Epistolario-0L’arte in Cadore al tempo di Tiziano-0
0

Your Cart